25 Novembre: Stai zitta, cretina!

Domenica, 25 novembre, si celebrerà la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

Una giornata che ha lo scopo di puntare i riflettori su un problema sociale che, solo in Italia, registra numeri davvero terrificanti: dall’inizio di quest’anno sono state oltre 55 le donne uccise. Ben 137 in tutto il 2011 e 127 l’anno precedente. Tutte uccise principalmente da mariti, fratelli o dai loro compagni.

Manifesto Stai Zitta Cretina!

Intanto Milano è pronta con la rassegna cinematografica tutta dedicata alla violenza sulle donne che prenderà il via dal prossimo 24 novembre ( nella foto, la locandina realizzata da Intervita Onlus). L’associazione, che da anni opera a sostegno di bambini, donne e popolazioni locali del Sud del Mondo, parteciperà alla giornata internazionale sulla violenza con la manifestazione “Siamo pari, la parola alle donne” con un ricco programma fatto di mostre fotografiche, tavole rotonde e dibattiti oltre che, appunto, una rassegna cinematografica composta da cinque  lungometraggi di registi italiani.

Si parlerà di infanticidio con la pellicola Maternity Blues – Il bene dal male!; delle donne sul lavoro con Per la mia strada e della mutilazione genitale con Africa Rising. E ancora, delle eroine in rosa della Gulabi Gang in Pink Gang. La rassegna si concluderà il 26 con Le stelle inquiete, una toccante pellicola ambientata durante la seconda guerra mondiale.

L’intera manifestazione si terrà al Teatro Litta di Milano, con ingresso gratuito.

Sempre a Milano, il 21 novembre ci sarà lo spettacolo teatrale R-ESISTENZE al femminile di Laura Mantovi e Sara Poli, dalle 11 alle ore 13 presso il Conservatorio Giuseppe Verdi alla presenza di oltre mille studenti, mentre alla Sala Conferenze di Palazzo Reale prenderà il via la due giorni di Le parole non bastano in cui, uomini e donne si confronteranno sul tema della violenza contro le donne. Il dibattito sarà aperto a tutti il giorno 22 con la partecipazione di esponenti della società civile come Aldo Bonomi, Eleonora Cirant, Sara Donzelli, Ico Gasparri, Lea Melandri.

A Genova, invece, già da domani sarà possibile vedere il video denuncia proiettato sul megaschermo a Palazzo Ducale intitolato 100 morte che non contano. Il video è stato ideato dalla filosofa Nicla Vassallo insieme alla calligrafa Francesca Biasetton e sarà visibile grazie alla Fondazione per la Cultura del Palazzo Ducale.

MC

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Events e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...